Gestire il tempo tra lavoro e vita privata

E’ possibile far funzionare il rapporto tra lavoro e vita privata?

E’ una delle risposte che cerchiamo di darci da centinaia di anni.

Una volta si lavorava per sopravvivere, il lavoro era strettamente collegato alla produzione degli alimenti e dei beni primari per il sostegno della propria famiglia.

Adesso amiamo dire che si lavora per l’auto-realizzazione personale ma se ci guardiamo bene intorno non vediamo una grande auto-realizzazione anzi vediamo spesso molto appiattimento.

Un aforisma che ho fatto mio da molti anni recita: “fai un lavoro che ami e non dovrai lavorare nemmeno un giorno della tua vita”. Però è altrettanto vero che se si ama il proprio lavoro, si cerca di dare il massimo per migliorarsi e per migliorare gli altri ma si rischia di trascurare tutto il resto.

Come uno sportivo che per mantenersi al massimo della forma deve dedicare ore e ore all’allenamento, sacrificando tutti gli altri aspetti della propria vita.

In effetti la competizione e il ritmo dell’innovazione di alcuni settori, ti pongno in una condizione di continua ricerca per il miglioramento in modo tale per cui “o sei dentro o sei fuori”.

Quindi sembra che non ci sia soluzione: se lavori con passione il lavoro ti assorbe, se lavori senza passione, il lavoro ti logora.

Per uscire dall’equazione bisogna aggiungere due parametri che sono fondamentali: l’ambizione e il reddito. Come distribuiremmo la nostra vita, a cosa ci dedicheremmo, se non avessimo l’assillo di dover lavorare per soddifare i nostri bisogni primari?

Quanto pesa l’ambizione nella nostra capacità di dividere il nostro tempo tra lavoro e famiglia?

La pressione sociale è un altro degli elementi che influenza notevolmente questo bilanciamento. Spesso si lavora per permettersi cose che non valgono un centesimo rispetto quello che si può fare con il tempo che si potrebbe risparmiare.

Sta sempre più aumentando la consapevolezza che le cose più importanti e preziose non costano nulla.

In questo video (con sottotitoli in italiano) l’autore Nigel Marsh presenta una sua personale ricetta per trovare un equilibrio tra vita privata e lavoro.

La chiave di questo equilibrio (molto precario) è di investire ogni giorno un po’ di energia per far si che il lavoro, per quanto appassionante o forzato, non appiattisca tutto il resto.

Argomenti Correlati:

Gestione del tempo, equilibrio tra vita lavorativa e vita privata, il benessere al lavoro, dividere il tempo tra lavoro e famiglia.

Acquista il corso
Cerca nel sito
Ricerche su Google
Libri
immagini scelte su
View My Portfolio
Networked Blog